CONAD
TELETU'

Stampa questa pagina stampa articolo Invia articolo invia articolo

  • Favorites
  • Yahoo MyWeb
  • OKNotizie
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Twitter
  • condividi:

Belsito, i leghisti non ci stanno: ''Siete tutti uguali''

I commenti su Facebook. Abbandonata la tesi del complotto, scoppia la rabbia.

In un primo momento - almeno ad ascoltare Radio Padania e a scorrere le pagine Facebook dove si riuniscono i militanti leghisti - sembrava per lo più un tripudio di solidarietà a Bossi e al partito.
Si accusava la giustizia a orologeria e la strana “coincidenza”, per dirla come Salvini, di una bufera proprio alla vigilia delle amministrative.
Eppure, con il passare delle ore, il caso Belviso ha iniziato a dividere. Più passava il tempo (e si capiva la portata dell’inchiesta), più tra i social network veleggiava l’ormai nota rabbia contro la casta e la delusione per un partito “di battaglia” che si è poi rivelato uguale a tutti gli altri.

“Anche i Padani sono italiani”

Lo stesso europarlamentare Matteo Salvini, tra i primi a invocare il complotto e la “strana coincidenza” in vista delle elezioni, in serata corregge il tiro e scrive su Facebook: "E comunque basta! Fuori dalle palle chi infanga, o permette sia infangato, il nome della Lega".
“Bella giornata di cacca”: chiude a tarda notte.
Ed è proprio sulla bacheca di Salvini - tra le altre - che si sfoga la rabbia.
“È nei momenti difficili che si vedono i veri Leghisti”: posta lui stamattina. E un utente sarcasticamente prosegue: “Si vedono scappare con il malloppo!”
“Ciò che sta succedendo nella Lega è la dimostrazione che anche i Padani sono anch'essi Italiani (ndr: seguono diversi punti esclamativi): scrive un altro.

Bossi "alla Scajola"

E non manca il sarcasmo per la frase di Bossi - che suona un po' alla Scajola - sulla villa di Gemonio (ndr: secondo l'accusa c'è anche la ristrutturazione della casa tra i capitoli di spesa sostenuti da Francesco Belsito con le somme ricevute per i rimborsi elettorali del partito).
“Denuncerò chi ha utilizzato i soldi della Lega per sistemare la mia casa”: ha ruonato il Senatur. “Io non so nulla di questa cose”.
Ed è proprio a questo concetto che si riferisce Massimo quando scrive: "Mi impresti 500.000 euro devo arredare casa"?

“Vedevo nella Lega l’unico partito onesto”

E non manca, come scrivevamo all’inizio, la rabbia anticasta. Sulla scia del “fate tutti schifo” (concetto più che ricorrente), Andrea non ha dubbi: “Andate a lavorare tutti! ci avete presi tutti per il culo! voi la sinistra la destra, soldi spariti, case magicamente regalate, mutui agevolati a voi che già guadagnate o meglio rubate barbarità di soldi”.  “Vergognatevi - prosegue - uno più dell'altro. Vedevo nella Lega l'unico partito onesto e con i cittadini, mi avete lasciato basito anche voi”.
"Non vi lamentate se poi il popolo si allontana dalla politica": scrive Stefano. "Possibile mai che in questo paese...chi ruba...non se ne accorge mai nessuno?? Tutti a casa, gente seria ed onesta"!! 



L'aggiornamento del 3/04: i leghisti difendono Bossi: "Che coincidenza..."

Alla fine la maggior parte si schiera con la Lega e con Bossi, sente che il partito è preso di mira "dai poteri forti", e invocano la cosiddetta “giustizia a orologeria” che colpisce proprio alla vigilia delle amministrative.
"Me l'aspettavo - dice infatti una radioascoltatrice - in vista delle elezioni. Ma facciano pure: ci piegheranno forse, ma non ci spezzeranno".
Così su Radio Padania Libera si commenta lo scandalo che oggi ha travolto la Lega, con il il tesoriere del partito, Francesco Belsito, indagato per appropriazione indebita e truffa aggravata ai danni dello Stato in relazione ai finanziamenti pubblici che la Lega percepisce come rimborsi elettorali.

“Che coincidenza...”

Sulla pagina Facebook di Radio Padania - dove si riuniscono i simpatizzanti del Carroccio ma non collegata direttamente alla radio - campeggia da ore lo status di Matteo Salvini. “Già, ma che coincidenza...20 finanzieri nella sede della Lega di primo mattino, guidati dal famoso Pm napoletano Woodcock. Io c'ero. Proprio nel giorno della presentazione delle liste elettorali. Solo una coincidenza”?

La priorità della procura di Napoli è la Lega?

A non andare giù, soprattutto su Facebook, che a capo dell'operazione vi sia procura di Napoli (leggi il noto Pm John Woodcock) e quella di Reggio Calabria, oltre la Procura di Milano.
“La priorità dei pm campani non è la camorra oppure i delitti...o i furti che ogni giorno devastano Napoli e dintorni...no...è controllare la lega 1000 km più a nord...ecco stiamo assistendo al rigurgito dittatoriale del sistema che punisce chi ha osato ribellarsi al sistema assistenzialista romanocentrico”: scrive un utente in buona compagnia.

“Deve andare via...ma Boni è ancora lì”

Le critiche non mancano, anche se in minoranza.
“Pensavo che i ladroni fossero solo a Roma....”: si scrive con sarcasmo. Mentre qualcuno invoca la linea dura invocata da Maroni (“E’ ora di fare pulizia”: ha tuonato l’ex ministro dell’Interno) sottolineando che “ogni partito che si rispetti se c’è un amministratore inquisito per truffa dovrebbe come minimo allontanarlo e spingerlo alle dimissioni...ma mi sembra difficile...come Boni e company che sono ancora seduti al Pirellone...”.

Una lunga giornata: chiude il forum

A prescindere dalle critiche o dalla solidarietà, per i leghisti che amministrano social network ed etere è comunque una giornata lunga e dura.
“Oggi ringhio”: avverte il conduttore di Radio Padania. Mentre per l’amministratore di Facebook “si prospetta una giornata dura (per me, che ho la sedia scomoda e sarò costretta a restarci seduta, davanti al computer, tutto il giorno)”.
E chissà se sia un caso, magari per evitare un ulteriore difficile lavoro o commenti “sgradevoli” dalla base, che da ore il forum di Radio Padania Libera è “momentaneamente non disponibile”.



Ultimo aggiornamento: 04/04/12

Disdetta, recesso, ripensamento: i moduli per ''liberarsi'' delle compagnie telefoniche

Le lettere da inviare per disdire un contratto non richiesto (e non solo), con l'aiuto di Trovatariffe.

Multa ingiusta? Contestatela

Avete ricevuto una multa ingiusta e pensate di contestarla? Ecco come si presenta l'istanza al Giudice di pace.

Gli indirizzi utili

Authority e dintorni. Questi sono gli indirizzi di cui potreste aver bisogno..

I Portali delle Regioni e altri siti utili

Molte delle Regioni italiane hanno portali "dalla parte del consumatore". Tenerli d'occhio conviene sempre. Assieme agli altri che vi segnaliamo..

ARCHIVIO