CONAD
TELETU'

Stampa questa pagina stampa articolo Invia articolo invia articolo

  • Favorites
  • Yahoo MyWeb
  • OKNotizie
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Twitter
  • condividi:

Datagate, Prodi: ''Io spiato già 10 anni fa''

Ma il ministro degli Esteri Bonino nega le intercettazioni. Le rivelazioni de L'Espresso.

Il telefono di Angela Merkel è stato messo sotto controllo dalla National Security Agency americana. Per mesi. Durissima la reazione di Berlino: "Esigiamo spiegazioni immediate, è inaccettabile un comportamento simile tra i nostri due paesi, amici, partner e alleati dal dopoguerra", ha detto il portavoce Seibert parlando esplicitamente a nome di Angela Merkel.
Lo shock in Germania e nel resto d'Europa è enorme: non solo la Francia dal passato gollista e autonomo rispetto alla Nato, non solo l'Italia o altri paesi ritenuti a torto o a ragione instabili, bensì persino l'alleato più fidato e di solito docile dopo il Regno Unito, era sotto gli occhi del "Grande fratello" americano.
 

Spiato anche Palazzo Chigi

Dunque c'è anche l'Italia tra i paesi intercettati. Secondo le rivelazioni de L'Espresso, le conversazioni telefoniche di Roma erano ascoltate a Washington e a Londra. Il settimanale italiano riporta le dichiarazioni di Gleen Greenwald, giornalista americano che custodisce i file della "talpa" del Datagate Edward Snowden: "La Nsa porta avanti molte attività spionistiche anche sui governi europei, incluso quello italiano", queste le sue parole.
Anche Enrico Letta ha definito questa attività di spionaggio "inaccettabile".

La Bonino nega: "L'Italia non intercettata" 

Ma il ministro degli Estri italiano, Emma Bonino, ha dichiarato oggi che i vertici del governo italiano non sono stati intercettati. Non si sa se prenderla come una buona notizia o come una conferma (se fosse vero) dell'irrilevanza internazionale dell'Italia.
 

Ma Prodi rilancia

A sostenere la tesi dello spionaggio su tutti i leader europei c'è però Romano prodi, che in una lettera scritta al Messaggero  racconta che dieci anni fa, da presidente della Commissione Europea, scoprì di essere finito nella rete di Echelon, il "grande orecchio" progenitore di Prism, oggi al centro del data-gate. "Il suono della mia voce era stato inserito nel grande cervello - scrive - e quindi ogni mia conversazione veniva automaticamente registrata da qualsiasi apparecchio telefonico fosse generata".

La telefonata chiarificatrice

Ieri Angela Merkel ha subito telefonato a Barack Obama chiedendo in tono severo spiegazioni immediate. Il presidente, dicono i suoi portavoce, ha tentato di rassicurarla dicendole che il suo telefono non è mai stato monitorato. Lo ha detto il portavoce della Casa Bianca, Jay Carney. "Non so nel dettaglio cosa il presidente Obama abbia detto al cancelliere Merkel. Ma gli Stati Uniti non hanno mai monitorato il suo cellulare e le sue comunicazioni. Come ha sempre detto il presidente, siamo impegnati a raccogliere informazioni di intelligence stando attenti a trovare un equilibrio tra sicurezza e tutela della privacy", ha spiegato Carney.
 

In atto verifiche

La Casa Bianca ha anche garantito di "aver avviato loro verifiche sui metodi di raccolta dati ad opera dell'intelligence", a fronte delle preoccupazioni espresse dal governo tedesco, che si sono sommate a quelle già mosse da Parigi e da altri paesi alleati.
 

Incontro Merkel-Hollande

Ieri Angela Merkel ha incontrato a Bruxelles il presidente francese Franocis Hollande: c'è il sospetto che anche le conversazioni dell'Eliseo siano state in passato nel mirino dell'Agenzia statunitense.



Ultimo aggiornamento: 25/10/13

Disdetta, recesso, ripensamento: i moduli per ''liberarsi'' delle compagnie telefoniche

Le lettere da inviare per disdire un contratto non richiesto (e non solo), con l'aiuto di Trovatariffe.

Multa ingiusta? Contestatela

Avete ricevuto una multa ingiusta e pensate di contestarla? Ecco come si presenta l'istanza al Giudice di pace.

Gli indirizzi utili

Authority e dintorni. Questi sono gli indirizzi di cui potreste aver bisogno..

I Portali delle Regioni e altri siti utili

Molte delle Regioni italiane hanno portali "dalla parte del consumatore". Tenerli d'occhio conviene sempre. Assieme agli altri che vi segnaliamo..

ARCHIVIO