CHEBANCA
TELETU'

Stampa questa pagina stampa articolo Invia articolo invia articolo

  • Favorites
  • Yahoo MyWeb
  • OKNotizie
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Twitter
  • condividi:

Disdetta, recesso, ripensamento: i moduli per ''liberarsi'' delle compagnie telefoniche

Le lettere da inviare per disdire un contratto non richiesto (e non solo), con l'aiuto di Trovatariffe.

Avete aderito a un'offerta telefonica "a vostra insaputa"? Avete accettato un'offerta e vi siete pentiti? O semplicemente dovete disdire il contratto con la vostra compagnia di telecomunicazioni? In genere è sufficiente inviare una lettera raccomandata alla compagnia in questione, specificando l'oggetto della richiesta, ma per i più si tratta di una operazione complicata, anche perché spesso nella lettera vanno specificati i termini di legge a cui si fa riferimento o i diritti dell'utente che si intende reclamare.
Grazie a Trovatariffe, portale indipendente che offre consulenza nei settori della telefonia e di internet, trovate qui i formulari da compilare per ottenere la lettera prestampata in tre casi: disdetta, ripensamento, e richiesta di indennizzo.


La disdetta


Innanzi tutto è bene sapere che la disdetta dell'abbonamento comporta dei costi di disattivazione, il cui importo le sarà addebitato nella fattura successiva alla chiusura del contratto.
In caso di difformità tra i costi addebitati in fattura dal gestore e quelli approvati dall'Autorità ha diritto di contestarli e promuovere un tentativo di conciliazione presso il Co.re.com.
Qui il link alla pagina dove compilare il formulario per la lettera.


Il diritto di ripensamento

Il diritto di ripensamento può essere esercitato entro 10 giorni dalla conclusione del contratto, senza pagare nessun costo.
Condizioni per l'esercizio del diritto sono di aver concluso il contratto via web o per telefono e di aver sottoscritto esclusivamente un abbonamento residenziale e non affari (con la partita iva). Qui il link alla pagina dove compilare il formulario per la lettera.

 

La richiesta di indennizzo

L'indennizzo è il rimborso riconosciuto dall'operatore all'utente nelle situazioni di malfunzionamento del servizio. Dopo aver risposto alle due domande precedenti sul codice cliente e sul tipo di utenza attivata, l'utente che compila la domanda deve indicare il guasto di cui chiede l'indennizzo secondo quanto stabilito dalla Delibera n.73/11/CONS. Occorre successivamente specificare numericamente la durata del disservizio distinguendo tra giorni e anni in base al tipo di guasto segnalato. L'operatore può accettare totalmente, parzialmente oppure rigettare la richiesta. L'utente può contestare il rifiuto dell'operatore rivolgendosi al Corecom per tentare una conciliazione. Il modello precompilato calcola automaticamente l'importo sulla base del periodo di tempo inserito nel questionario e con la indicazione degli articoli della Delibera. 
Qui il link alla pagina dove compilare il formulario per la lettera.


Chi è Trovatariffe

Trovatariffe.it è un portale indipendente che offre una consulenza gratuita nel settore della telefonia ed internet. L'attività svolta dal servizio consiste nel trovare la tariffa adeguata ai consumi dell'utente, tramite un simulatore che effettua un preventivo per ogni tariffa e nel consigliare il cliente per risolvere problematiche legali-amministrative con l'Operatore di tlc.
 



Ultimo aggiornamento: 09/10/13

Disdetta, recesso, ripensamento: i moduli per ''liberarsi'' delle compagnie telefoniche

Le lettere da inviare per disdire un contratto non richiesto (e non solo), con l'aiuto di Trovatariffe.

Multa ingiusta? Contestatela

Avete ricevuto una multa ingiusta e pensate di contestarla? Ecco come si presenta l'istanza al Giudice di pace.

Gli indirizzi utili

Authority e dintorni. Questi sono gli indirizzi di cui potreste aver bisogno..

I Portali delle Regioni e altri siti utili

Molte delle Regioni italiane hanno portali "dalla parte del consumatore". Tenerli d'occhio conviene sempre. Assieme agli altri che vi segnaliamo..