UNICREDIT
TELETU'

Stampa questa pagina stampa articolo Invia articolo invia articolo

  • Favorites
  • Yahoo MyWeb
  • OKNotizie
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Twitter
  • condividi:

Sì della Francia alle nozze gay, Bagnasco: ''L'orlo del baratro''

Approvato l'articolo 1 a larga maggioranza. La Cei: "Non seguiamo queste orme".

E' decisa e sdegnata, anche questa volta, la reazione della Chiesa alle nozze gay. Dopo il sì della Francia l'arcivescovo di Genova e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco ha subito affermato che "siamo vicino al baratro". L'Italia "non deve prendere esempio da queste situazioni che hanno esiti estremamente pericolosi. Non seguiamone le orme" ha poi aggiunto. 
 

"Eliminare la religione non vuol dire conquistare nuove libertà"

"L'Europa ha dimenticato le proprie radici cristiane, le radici della propria cultura e della propria civiltà", sono state le parole del numero uno dei vescovi. "Volendo sistematicamente eliminare la religione dal proprio orizzonte crede di conquistare delle libertà nuove. Molti Paesi europei hanno varato leggi sbagliate su vita, famiglia, libertà, non crescono in civiltà più umana e solidale, semmai più individualista e più regressiva".
 

Il sì della Francia

Ieri, come previsto, Parigi ha confermato il suo sì al matrimonio gay, fortemente voluto dai socialisti di Hollande (in foto la prima pagina del quotidiano di sinistra Libération.it).
L'Assembela nazionale francese ha approvato oggi l'articolo 1 - il più importante - del progetto di legge che legalizza le nozze gay.
Con una schiacciante maggioranza, 249 sì e 97 no, i deputati hanno dato il via libera alla norma che ridefinisce il matrimonio come "un accordo tra due persone di sesso diverso o del medesimo sesso".

La sinistra esulta: "égalité, égalité!"

Una volta approvato il voto, i deputati di sinistra si sono alzati in piedi e ha applaudito a lungo al grido di ""égalité ! égalité !" (ndr: Uguaglianza! Uguaglianza!). Su Twitter, molti di loro hanno definito "srotico" questo voto.

Il ministro della Giustizia: "Siamo orgogliosi"

"Siamo lieti e orgogliosi di raggiungere questo primo passo": ha commentato a caldo il ministro della Giustizia Christiane Taubira.
"Daremo a tutti la libertà di scegliere il proprio compagno per costruire un futuro comune".
 

Due settimane per l'approvazione finale

Ora i deputati francesi continuano la discussione del progetto di legge, sul quale sono stati presentati migliaia emendamenti, che si prevede andrà avanti per due settimane, compresi i weekend.
Si tratta di un disegno di leggeparticolarmente osteggiato dal centro-destra e dal mondo cattolico, che il 13 gennaio hanno portato in piazza a Parigi un milione di persone (350mila secondo la polizia).
L'approvazione finale della legge è comunque data ormai per scontata.



Ultimo aggiornamento: 03/02/13

Disdetta, recesso, ripensamento: i moduli per ''liberarsi'' delle compagnie telefoniche

Le lettere da inviare per disdire un contratto non richiesto (e non solo), con l'aiuto di Trovatariffe.

Multa ingiusta? Contestatela

Avete ricevuto una multa ingiusta e pensate di contestarla? Ecco come si presenta l'istanza al Giudice di pace.

Gli indirizzi utili

Authority e dintorni. Questi sono gli indirizzi di cui potreste aver bisogno..

I Portali delle Regioni e altri siti utili

Molte delle Regioni italiane hanno portali "dalla parte del consumatore". Tenerli d'occhio conviene sempre. Assieme agli altri che vi segnaliamo..

ARCHIVIO