CHEBANCA
TELETU'

Stampa questa pagina stampa articolo Invia articolo invia articolo

  • Favorites
  • Yahoo MyWeb
  • OKNotizie
  • Google Bookmarks
  • StumbleUpon
  • Aggiungi a Del.icio.us
  • Twitter
  • condividi:

Per sostituire la cassetta della posta

(27/5-3/6/2010) Patrizia Pallara

Cari amici, le nostre cassette della posta, brutte, antiquate e rovinate dalle bravate di ragazzi balordi, non sono davvero un bel biglietto da visita nell’androne. Stiamo prendendo in considerazione l’eventualitÓ di sostituirle, ma non sappiamo come si delibera l’intervento e quale maggioranze serve… L’amministratore pu˛ decidere autonomamente la sostituzione?
Anna Maria Sgaramella, Bari

Si pu˛ pensare che siano beni comuni e invece non Ŕ cosý. Le cassette della posta sono beni di proprietÓ individuale e appartengono a ciascun partecipante al condominio. Per questo, le spese relative alla manutenzione, riparazione e sostituzione sono a esclusivo carico di ogni famiglia. Se si rende necessario un intervento su tutto il casellario (per esempio, la sostituzione o la riparazione) la spesa va ripartita in parti uguali tra i condomini, perchÚ il bene serve tutti in egual misura, a meno che il regolamento non stabilisca diversamente.
Sostituire tutto il casellario, se Ŕ rotto e malandato, Ŕ un’opera di manutenzione straordinaria, che (art. 1135, comma 4, codice civile) va approvata dall’assemblea condominiale e non pu˛ essere effettuata dall’amministratore senza l’approvazione dei condomini. PoichÚ non si tratta di riparazioni straordinarie di notevole entitÓ - nel qual caso il quorum per deliberarle dovrebbe essere sempre la maggioranza degli intervenuti e almeno la metÓ del valore dell’edificio (art. 1136, comma 4, c. c.) - per approvare la sostituzione del casellario della posta basta la maggioranza degli intervenuti e 500 millesimi pi¨ uno in prima convocazione, e un terzo degli intervenuti all’assemblea e 334 millesimi in seconda. Se si vuole provvedere autonomamente, Ŕ possibile farlo, ma bisogna avere delle accortezze nella scelta della cassetta, che dovrÓ assomigliare in tutto e per tutto alle altre, per non rovinarne l’armonia complessiva.
Nei casi di vandalismo come quelli descritti dalla nostra lettrice, la cosa migliore Ŕ presentare una denuncia contro ignoti ai carabinieri o alla polizia e chiedere all’amministratore che la esponga in bacheca: probabilmente servirÓ da deterrente per chi si diverte a procurare danni alle cose altrui.
Ma attenzione: l’amministratore non Ŕ responsabile della sicurezza dello stabile. Egli non risponde dei danni cagionati da terzi, perchÚ la custodia dell’edificio che gli Ŕ attribuita come compito non consiste nella tutela dell’incolumitÓ, bensý nel mantenimento del bene. L’amministratore non pu˛ fare la guardia al condominio, non pu˛ evitare furti o danneggiamenti, nÚ pu˛ vigilare o intervenire di persona quando Ŕ minacciata la sicurezza dei condomini o degli ospiti del palazzo. Se il problema Ŕ comune a tutti, si pu˛ chiedere e deliberare un servizio di portineria o di vigilanza.



Ultimo aggiornamento: 26/05/10

Disdetta, recesso, ripensamento: i moduli per ''liberarsi'' delle compagnie telefoniche

Le lettere da inviare per disdire un contratto non richiesto (e non solo), con l'aiuto di Trovatariffe.

Multa ingiusta? Contestatela

Avete ricevuto una multa ingiusta e pensate di contestarla? Ecco come si presenta l'istanza al Giudice di pace.

Gli indirizzi utili

Authority e dintorni. Questi sono gli indirizzi di cui potreste aver bisogno..

I Portali delle Regioni e altri siti utili

Molte delle Regioni italiane hanno portali "dalla parte del consumatore". Tenerli d'occhio conviene sempre. Assieme agli altri che vi segnaliamo..

RUBRICHE

SALVA CASA - di Patrizia Pallara LE PAROLE - di Luisella Costamagna IO, UN CITTADINO - di Antonio Lubrano ANIMALI E ANIMALI - di Licia Col˛ COSE DA PAZZI! - di Barbara Cataldi SALVAGIOVANI - di Delia Vaccarello RECENSIONI - di Rocco di Blasi PIT STOP - di Eugenio Manca